Brewrise in cucina

Uno dei piatti più conosciuti in tutto il mondo per il suo sapore inconfondibile e particolare che accosta il sapore deciso del fegato all'aroma della cipolla, esaltato dall’acidità della Lambic per eccellenza. 

IL FEGATO "DAL VENETO AL PAJOTTENLAND"

Il_fegato_dal_Veneto_al_Pajottenland.jpg

Difficoltà: Media

Ricetta per: 2 persone   

INGREDIENTI:

  • 500 gr di fegato di vitello (2 fette circa)

  • 3 cipolle dorate di medie dimensioni

  • 3 foglie di alloro

  • 25gr di burro

  • 1 Lindemans Faro da 25cl

  • Sale q.b.

  • Pepe q.b.

PREPARAZIONE

Per le cipolle

Sbucciare e affettare le cipolle in modo sottile. In una padella sciogliere a fuoco medio metà burro con 2 foglie di alloro e appena sarà spumeggiante aggiungere le cipolle. Far rosolare qualche minuto facendo attenzione a non far colorire le cipolle, aggiungere quindi 2/3 della bottiglia di Lindemans Faro.

A questo punto abbassare al minimo il fuoco e brasare lentamente le cipolle aggiungendo sale e pepe nelle quantità desiderate. Se durante la brasatura le cipolle si dovessero asciugare troppo completare la cottura aggiungendo acqua o brodo vegetale. Una volta cotte le cipolle (devono risultare morbidissime) far assorbire tutti i liquidi di cottura e togliere dalla padella.

Per il fegato

Nella stessa padella aggiungere il restante burro e 1 foglia di alloro, alzare il fuoco e una volta che il burro sarà in temperatura aggiungere il fegato precedentemente tagliato a striscioline.

Cuocere per 4/5 minuti, avendo cura di mescolare. Una volta che il fegato avrà preso colore alzare il fuoco al massimo e sfumare con il restante Lindemans Faro, regolare di sale e di pepe.

Far evaporare la parte alcolica e spegnere la fiamma.

Faro.jpg

Ultimi tocchi

Trasferitelo su un piatto di portata, salate e ed aggiungere le cipolle precedentemente brasate.

Accompagnare con della polenta bianca a fette e con dell’ottima Lindemans Faro.

Lampadina.JPG

Curiosità: Fare attenzione alla cottura del fegato che se troppo cotto diventa molto duro.

Il fegato, infatti, perché rimanga morbido non va mai riscaldato, quindi una volta pronto andrà anche finito!

RICETTE CORRELATE